Gabriel Garko e Manuela Arcuri su Canale 5 con ''Il peccato e la Vergogna 2''Gabriel Garko più cattivo che mai ne Il peccato e la vergogna 2, dieci puntate ambientate alla fine della Seconda guerra mondiale aprirà ufficialmente da stasera la nuova stagione della fiction Mediaset in prima serata su Canale5.

DOVE ERAVAMO RIMASTI...

Alla vigilia della seconda guerra mondiale, sullo sfondo della Roma fascista, Carmen Tabacchi (Manuela Arcuri), una giovane donna di umili origini, ma dalla bellezza travolgente, si innamora di Nito Valdi (Gabriel Garko), un uomo dall'oscuro passato appena uscito di prigione. Carmen, forte e volitiva, abbandona Nito appena ne scopre la natura violenta e malvagia, ma Nito non si rassegna e giura che la farà sua. Intanto, Carmen incrocia sul suo cammino la famiglia Fontamara, ricchi commercianti di stoffe di origini ebraiche, e si innamora perdutamente di Giancarlo (Francesco Testi), sfrontato dongiovanni che, dopo averla sedotta, l'abbandona incinta.

La furia di Nito, scoperta la relazione di Carmen, è inarrestabile: Valdi uccide la matriarca dei Fontamara, Elena, ed i figli Giulio ed Elisa, mentre Giancarlo, tratto in salvo dalla partigiana Piera (Valeria Milillo), si unisce alla Resistenza. Valdi, quindi, tenta di costringere Carmen a tornare con lui, minacciando di farla deportare nei campi di concentramento con il suo bambino, il piccolo Giulio, frutto del suo amore con Giancarlo. Allora la giovane, per mettere al riparo suo figlio dalla terribile minaccia, sposa, in fretta e furia, il cavaliere Francesco Fontamara (Stefano Santospago), il patriarca, unico ariano della famiglia. Nito, però, riesce a catturare Carmen, la porta nelle segrete del comando della Gestapo e abusa di lei.

Quando gli Alleati liberano Roma, Carmen è salva mentre Nito, braccato dai partigiani riesce a fuggire. Carmen, in ospedale per curarsi dalle violenze subite, scopre di aspettare un figlio da Nito mentre Giancarlo, affetto da tubercolosi, combatte tra la vita e la morte. La giovane, allora, fa un voto alla Madonna: se l’amato vive, lei terrà la creatura che porta in grembo. Giancarlo, ristabilito, esce dal sanatorio, ma la felicità di Carmen evapora quando viene a conoscenza del matrimonio di Giancarlo con Piera. Carmen, delusa, lo inganna, comunicandogli brutalmente che aspettano un altro bambino.

Francesco (Stefano Santospago)
, invaghitosi della procace vedova Ortensia Pizzo (Laura Torrisi), accolta alla villa come governante, chiede alla moglie l’annullamento delle nozze e la vendita dell’attività. Carmen, però, costringe Ortensia a lasciare il Cavaliere, poi, per rimettere in piedi il negozio, vede le sue stoffe a Cencelli (Antonio Giuliani), un prestigioso sarto.

Durante una notte di pioggia, Nito, rientrato a Roma, riesce a catturare Carmen, ma sopraggiunge Giancarlo: i due uomini hanno uno scontro violento e Giancarlo perde conoscenza. Carmen, pur di salvarlo, confessa a Nito di aspettare un bambino da lui e, quando Valdi tenta di sparare al rivale, Carmen si frappone fra i due e viene colpita dal proiettile. Nito, sconvolto, scompare nella notte. Il giorno dopo, Giancarlo al capezzale di Carmen le confessa di amarla, di averla sempre amata. Mentre i due giovani si stringono in un abbraccio, un uomo, dalla sagoma inconfondibile, lascia ad un’infermiera un mazzo di fiori per Carmen: è Nito Valdi.

LA TRAMA DELLA NUOVA SERIE

1945
. In un'Italia finalmente liberata dalla dominazione fascista, ritroviamo la combattiva Carmen Fontamara (Manuela Arcuri) ed il pericoloso Nito Valdi (Gabriel Garko), alle prese con la ricostruzione delle proprie esistenze. Mentre Carmen, che ha dato alla luce Valerio, frutto della violenza subita da Nito, cerca con ogni mezzo di ripianare le finanze della famiglia Fontamara ed assicurare un futuro ai suoi figli, altrettanto disperatamente Nito Valdi persegue un unico e folle progetto: fuggire in Sud America portando con sé Carmen e Valerio, suo figlio. Nito, braccato dalla legge e bisognoso di denaro, riesce a spacciarsi per ex deportato e a conquistare la fiducia e l'amore di Elsa Pinker (Giulia Rebel), ereditiera ebrea, vittima anch'essa della sua lucida crudeltà.

Intanto, dopo aver combattuto al nord con i partigiani, Giancarlo Fontamara (Francesco Testi), l'unico, grande, vero amore di Carmen e padre del suo primogenito, Giulio, rientra a Roma. Carmen e Giancarlo si amano ancora ed attendono il momento giusto per vivere la loro storia alla luce del sole. Ma Nito riesce a rapire Carmen ed il piccolo, e sta quasi per lasciare l'Italia quando i suoi piani vengono sventati dall'azione di Giancarlo, supportato da un ex partigiano, l'ispettore Luigi Malpietro (Stephen  Kaefer). Nito, quindi, solo e disperato, sbarca a Cuba, dove, con i soldi sottratti ad Elsa Pinker, diventa un potente imprenditore.

Carmen e Giancarlo, invece, per un susseguirsi di drammatiche circostanze, tra cui l'inaspettata gravidanza di Piera (Valeria Milillo), la compagna partigiana che Giancarlo aveva sposato per gratitudine, si lasciano per sempre. Giancarlo, quindi, entra a far parte di un gruppo rivoluzionario con lo scopo di uccidere gli ex fascisti, mettendo a rischio la sua vita.

Alla fine degli anni 50' ritroviamo i figli di Carmen ormai ragazzi. Giulio (Christopher Leoni) bello e subdolo, continua a nutrire per il fratellastro Valerio (Massimiliano Morra) colpevole di essere figlio di un "mostro", un odio insanabile. Carmen, divenuta ormai una brillante donna d'affari, è alle prese con un nuovo amore: quello per Luigi Malpietro (Stephen Kaefer) che, lasciata la polizia, è divenuto onorevole, grazie al supporto dei Servizi Segreti, che ne hanno coperto l'oscuro passato. Il ritorno di Nito Valdi in Italia ribalta tutte le carte, portando Carmen a fare i conti con i fantasmi del passato, in un ultimo tragico scontro con il suo incubo di sempre.